19 ottobre 2015 |

5 consigli per pulire correttamente il camino

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

E voi seguite questi 5 consigli per pulire correttamente il camino? Vediamo come si pulisce sia dentro che fuori il nostro caminetto, compagno di tante giornate fredde, di grigliate primaverili e ineguagliabile componente di design delle nostre case.

Il camino: croce e delizia di molte massaie. Amato in inverno, nelle giornate fredde quando aiuta a tenere calda la casa con il suo fuoco scoppiettante, e odiato soprattutto alla fine dell’estate… quando bisogna pulirlo per rimetterlo in funzione! Ma come si pulisce correttamente il camino? Vediamo qualche consiglio.


camino

Pulizia della canna fumaria

Prima di tutto, e ciò può essere confermato da qualsiasi saggio proprietario di un camino, la canna fumaria non deve essere pulita con disinvoltura. Il motivo è semplice: al di là di ciò che può apparire, la canna fumaria e il comignolo sono un deposito di molti componenti tossici, tra cui il così detto cresoto che spesso può rappresentare un vero e proprio rischio di incendio ed esplosione. Quindi il primo consiglio per la pulizia della canna fumaria è quello di affidarvi a professionisti esperti.

camino-4

Eliminazione della cenere

Se la manutenzione della canna fumaria è da farsi almeno una volta l’anno in modo completo e professionale, il resto della pulizia può esser fatto con attenzione e destrezza anche da noi. Bisogna, ad esempio, eliminare la cenere ogni volta che il camino viene spento. Per evitare di creare focolocai sotto la cenere, si consiglia di spegnere il fuoco con il sale grosso e di lasciare assopire totalmente i carboni ancora accesi per poi prelevare totalmente la cenere. Usate un panno umido dopo aver raccolto la cenere con paletta e scopino per non impolverare tutto intorno.

camino-3

Eliminare la fuliggine

Se volete pulire i mattoni interni del camino basterà passarli con un panno ben strizzato di acqua e aceto una volta che il caminetto è spento. Per eliminare la fuliggine in eccesso, scarto di insufficiente combustione, basterà accendere un fuoco di carta che permetterà alle scorie di bruciarsi totalmente. Un consiglio? Se non è arrivato il momento di chiudere il camino “per ferie” non c’è bisogno di pulirlo da cima a fondo così spesso.

Camino per arredare con stile il living

Pulizia parti esterne

Le parti esterne del camino vanno ripulite con acqua e aceto o acqua e ammoniaca. Non usate prodotti infiammabili: è sempre meglio usare l’aceto e ripassare a freddo con dell’olio le parti in ferro e legno.

fireplace-cleaning

Pulizia del vetro del camino

Il vetro del camino può essere pulito con ammoniaca e acqua a fuoco spento e a temperatura ambiente. In realtà, la stessa cenere di risulta può essere diluita con un po’ di acqua per lavare lo stesso vetro del caminetto. Strofinate bene e, se ci sono delle parti più difficili da trattare, basterà lasciare agire per un po’ la soluzione per rimuovere lo sporco. Pulite infine con un panno asciutto.

Potrebbe interessarti anche