Coperta Patchwork: istruzioni per realizzarla

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Il Patchwork è un manufatto storico in quanto, l’attività di cucire quadrati di stoffa differente, al fine di realizzare indumenti e oggetti d’arredo risale al 1700. Oggi, questo manufatto sta tornando di gran moda, tanto da diventare un accessorio d’arredo ipercontemporaneo. Bellissime stanze da letto dal look moderno sono arredate proprio con coperte fatte a mano e, in particolare, patchwork.

Esistono però, tanti tipi di Patchwork e si possono realizzare prodotti più semplici o più elaborati. Inoltre, il patchwork si può ottenere sia con la stoffa, sia con la maglia, realizzando quadrati di lana lavorata ai ferri o all’uncinetto. I disegni sono generalmente molto geometrici e si ottengono tagliando e cucendo quadrati o triangoli ben intrecciati tra di loro, su una base fatta di stoffa intera e un’imbottitura da cucire tra i due strati di cotone o maglia.

Come potrete notare, tuttavia, realizzare un patchwork non è sempre così semplice come può sembrare, a meno che non si scelga un disegno facile da realizzare, come quello che vi proponiamo oggi in questa stupenda versione primaverile di coperta patchwork.

La coperta che abbiamo scelto per voi

La particolarità di questo manufatto è che pur essendo double face (come tutte le coperte patchwork) uno dei 2 lati è fatto di quadrati con le frange.

Occorrente

Per realizzare questa coperta serviranno in totale 460 quadrati di stoffa adatta da scegliere nelle tonalità che più piacciono. Allo stesso modo se si decide di creare una coperta all’uncinetto, si deve fare conto di ottenere lo stesso numero di quadrati in maglia. La quantità indicata è valida per un letto singolo e vanno intesi 230 quadrati per facciata. In totale occorrono 15 metri di tessuto da cui ricavare 460 quadrati di dimensione 18x18cm.

Imbottitura

460 quadrati di ovatta in poliestere o pile di dimensioni 16×16 cm.
N.B. questi quadrati sono più piccoli di quelli in tessuto perchè per questi ultimi bisogna considerare il bordo della cucitura.

Realizzazione


  • Tagliare le stoffa in quadrati

  • Segnare su ognuno di essi le diagonali col gesso da sarta

  • Cucire un quadrato di imbottitura tra i 2 quadrati di stoffa colorata, lungo le diagonali e fino agli angoli in maniera che ci sia una buona tenuta. Si otterranno delle sorta di sandwich

  • Ottenuti tutti i quadrati, cucirli tra di loro in una griglia 10×23 circa, facendo in modo che la stoffa esterna ai quadrati fuoriesca da un lato della coperta

  • Potete cucire i quadrati a 2 a 2, per file verticali. Finite le file verticali cucite quelle orizzontali. Ora potete tagliare la stoffa in eccedenza sfrangiandola a piacimento con le forbici

Varianti

Se si desidera avere i due lati della coperta con disegni differenti si può optare per un lenzuolo, del colore preferito, su cui applicare un quadrato “sandwich” fatto di stoffa e imbottitura. In questo caso si tratta di disegnare sul lenzuolo una griglia e applicare con uno spillo i quadratini per poi cucirli.

Il lavaggio

I patchwork fatti dello stesso tessuto sono più facili da curare di quelli fatti da diversi tessuti che hanno elasticità e istruzioni per il lavaggio differenti. In ogni caso, il lavaggio a secco è migliore per lavare ogni tipo di coperta patchwork. Inoltre, è meglio non mettere questi manufatti in acqua calda per evitare la decolorazione.

Potrebbe interessarti anche