10 agosto 2018 |

Come curare la pachira, la pianta d’appartamento dal tronco intrecciato

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Ecco come curare la pachira, detta anche money tree e pianta dal tronco intrecciato. Vediamo quando annaffiarla e come disporla in casa.

Come curare la pachira, la bellissima pianta di altezza variabile classicamente venduta come pianta dal fusto intrecciato?

Tenuta spesso in appartamento, data la sua robustezza e rigogliosità, la pachira è davvero molto semplice da curare e, in più, si dice anche che porti fortuna e denaro, tanto da essere chiamata money tree! Vendiamo quindi come curare la pachira, la pianta d’appartamento dal tronco intrecciato.

La pachira, o pachira acquatica, fa parte della famiglia tropicale delle Bombacaceae ed è un albero originario dell’America meridionale, la cui grandezza ed altezza sono molto variabili. La particolarità di questa pianta o alberello è il suo tronco intrecciato. L’intreccio avviene generalmente quando la pianta è ancora molto giovane e non ha raggiunto ancora il primo anno di età.

Come curare la pachira in appartamento

  1. La pachira in vaso va collocata in una posizione molto luminosa, ma non sotto i raggi diretti del sole
  2. La pianta va tenuta al riparo da correnti d’aria e sbalzi termici, quindi preferibilmente non a ridosso di una porta
  3. Come qualsiasi pianta d’appartamento non va tenuta nei pressi di termosifoni e condizionatori che rischiano di disidratarla
  4. E’ bene assicurare un buon ricambio d’aria al locale in cui si tiene la pachira
  5. Ogni mese il vaso della pachira va ruotato di 180 gradi, in modo che la pianta venga illuminata in modo uniforme.

Come e quando innaffiare la pachira

L’idratazione della pachira è semplice, ma qualche volta si può incorrere in qualche errore. Ecco le indicazioni:

  1. Irrigate profondamente ma a lunghi intervalli: acqua abbondante per circa 20 minuti eliminando l’acqua percolata
  2. Irrigate in media una volta ogni tre o quattro giorni
  3. Utilizzate preferibilmente acqua priva di calcare come acqua piovana, distillata o ricavata dal condizionatore
  4. Utilizzate un vaso a riserva d’acqua che consente di bagnare la pianta anche solo una volta al mese

Ad ogni modo, per capire se la pachira necessita o no di acqua, basta controllare il terriccio affondandoci un dito: se non risulta umido nei primi 3 centimetri di profondità potete innaffiare.

Come curare la pachira malata: foglie gialle, marroni o secche

Se questa pianta non è in ottima salute le sue foglie possono presentarsi gialle, marroni, secche o cadere. Vediamo punto per punto quali sono le cause.

Se le foglie sono ingiallite, probabilmente state somministrando troppa acqua alla pianta. Regolate bene le irrigazioni e, prima di somministrare altra acqua, assicuratevi che il terriccio sia completamente asciutto.

Discorso simile vale se le foglie sono marroni, completamente o solo sulla punta, ma morbide e umide, non secche. Il motivo potrebbe essere la troppa acqua o l’acqua che ristagna nel sottovaso. Le abbondanti irrigazioni possono causare anche foglie marce.

Se invece le foglie sono marroni e secche il problema è altrove. Ad esempio, se si accartocciano probabilmente la pianta riceve troppo sole e le foglie sono ustionate. In questo caso la pianta riceve troppa luce e va posta in una zona più ombreggiata.

Se la pachira perde foglie prestate attenzione agli intervalli con i quali somministrate l’acqua in quanto, come detto prima, dopo 20 minuti dall’irrigazione è bene svuotare il sottovaso eliminando l’acqua percolata.

Concimare la pachira

La pachira può essere concimata con cadenza mensile. Ogni mese, a partire dalla primavera fino all’estate, si può somministrare un concime a basso dosaggio così da sostenere il vigore della pianta e non innescare una crescita sproporzionata. Il tipo di concime adatto è il concime liquido, di più facile assorbimento, come il classico per piante verdi.

Come rinvasare la pachira

Una volta cresciuta e divenuta piuttosto alta, è probabile che per curare la pachira sia necessario fare il rinvaso scegliendo per lei un vaso definitivo. Ecco le indicazioni per rinvasarla.

Il vaso deve avere un diametro almeno pari ad un quarto dell’altezza della pianta. Ad esempio, se la vostra pachira è alta due metri, scegliete un vaso di diametro di 45-50 centimetri.

Cambiate il vecchio substrato e sostituitelo con del terriccio fresco: quello più adatto è composto da terricciato di letame fibroso, estremamente ricco di materia organica

Dopo il rinvaso, annualmente andrete a sostituire il terriccio scavandolo dal contenitore facendo attenzione a non ferire le radici

Come intrecciare il tronco di pachira

  1. Procuratevi prima di tutto una pachira giovane, di meno di un anno di età, così che i fusti siano morbidi e plasmabili. I fusticini, per i primi 30 cm di altezza, devono essere completamente liberi da potenziali getti. Lasciate solo le foglie più alte.
  2. Legate insieme le tre piantine usando un legaccio morbido. Il legaccio va posto alla base dei fusti e il nodo deve essere abbastanza saldo da tenerli vicini
  3. Procedete intrecciando tra loro i fusticini che, nel giro di pochi anni, lignificheranno e si salderanno a creare una treccia compatta.
  4. L’intreccio va fissato anche in cima, appena sotto le foglie, con un altro legaccio morbido

Durante la crescita le piantine intrecciate andranno potate puntualmente e i tronchi intrecciati non dovranno mai sviluppare rami laterali. Dovrete potare ogni getto o ramo recidendolo alla base.

Potrebbe interessarti anche