12 giugno 2018 |

The Handmaids’s Tale 2: episodi, cast e curiosità sulla nuova stagione in streaming

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Tutto su episodi, cast e curiosità dello streaming di The Handmaids’s tale 2, la serie tv che sta spopolando per il suo contenuto socio-politico.

Se già la prima stagione di The Handmaids’s Tale aveva suscitato scalpore e sgomento, la seconda non rincuora.

Gli episodi di The Handmaids’s Tale 2

Arrivata in Italia sulla piattaforma streaming Tim Vision, The Handmaids’s Tale 2 mette online i nuovi episodi  ogni giovedì, con grande attesa del pubblico appassionato. Attualmente stiamo per vedere  il 9° episodio della serie The Handmaids’s Tale 2, che arriverà in streaming giovedì 14 giugno 2018. Gli episodi in totale sono 13.

La trama di questa seconda stagione riprende il racconto dell’ancella June Osborne esattamente dove si era interrotto nella prima stagione. In questa nuova serie vengono presentate anche le famose Colonie e tornano alcune ancelle della cui sorte si erano perse le tracce per combattere silenziosamente per la libertà.

Il cast di The Handmaids’s Tale 2

Elisabeth Moss è ancora June Osborne/Difred. Bravissima come già avevamo avuto modo di vedere nella prima stagione, nei nuovi episodi delinea ancora di più il suo personaggio in continua lotta per la sopravvivenza.

Joseph Fiennes è ancora il Comandante Fred Waterford di Gilead.

Yvonne Strahovski è la bella Serena Joy Waterford, moglie del Comandante Waterford e vero personaggio chiave di questa seconda stagione. Ci stupirà la fondatrice della Repubblica di Gilead?

Alexis Bledel è Emily/Diglen/Disteven, l’ancella che ha subito la rimozione del clitoride per la sua omosessualità, decisamente bravissima e truce più che mai.

Madeline Brewer è Janine/Diwarren/Didaniel, l’ancella cui viene tolto l’occhio destro come punizione, che torna alla vita dando a tutti una indiscutibile lezione di fede.

Ann Dowd (candidata al Golden Globe) è l’inossidabile Zia Lydia, che addestra e governa le ancelle impartendo loro punizioni e torture. A proposito, anche in questa seconda stagione, le atrocità non mancano, anche se forse tutte le ancelle hanno imparato ad accettarle un po’ di più…

O. T. Fagbenle è il marito di June, Luke Bankole , riuscito a fuggire in Canada, dove svolge un ruolo apparentemente impotente.

Max Minghella è Nick Blaine, l “occhio” del Comandante Waterford e padre del figlio che June porta in grembo.

Samira Wiley è Moira, la migliore amica di June e che è riuscita ad arrivare in Canada, sfuggendo alle grinfie di Gilead già nella prima stagione.

Alcune curiosità su The Handmaids’s Tale 2

L’aspetto più interessante della seconda stagione di The Handmaids’s Tale è probabilmente lo sviluppo psicologico e sociologico dei personaggi. La serie The Handmaid’s Tale 2, infatti, basata sul romanzo Il racconto dell’ancella di Margaret Atwood, si snoda in maniera autonoma dalla prima, dimostrando che la brutalità umana può essere reinterpretata all’infinito, senza mai perdere il suo senso profondo e la sua capacità di proiettarci nel terrore di un futuro ad oggi impossibile, ma che viene inconsciamente percepito da tutti come attuabile alle paradossali condizioni necessarie.

Il romanzo originale è stato scritto nel 1984 e nel corso degli anni è stato tradotto in più di quaranta lingue. E’ stato tratto anche un film.

L’idea dei costumi delle donne di Gilead deriva dalla iconografia religiosa occidentale in cui le Mogli vestono l’azzurro della purezza della Vergine Maria e le ancelle vestono il rosso, dal sangue del parto e della Maria Maddalena.

La protagonista Elisabeth Moss ha ricevuto quest’anno il Golden Globe  2018, anno in cui anche la serie The Handmaid’s Tale è stata premiata  con lo stesso riconoscimento. La serie annovera decine di premi e nomination (8 Emmy Awards) come miglior serie televisiva.

La serie, così come il romanzo, viene definita distopica. Ma qual è il significato del termine distopia? Con questo termine si intende una immaginaria società o comunità indesiderabile o spaventosa, spesso collocata nel futuro, nella quale alcune tendenze sociali, politiche e tecnologiche percepite come negative o pericolose sono portate al loro limite estremo.

Si apprende da Hulu, la piattaforma dello streaming americano, che  in lavorazione c’è già la terza stagione di The Handmaid’s Tale.

Leggi anche:

The Handmaid’s Tale: perchè guardarla
La casa di carta, cose da sapere sulla serie più vista

Potrebbe interessarti anche