17 maggio 2018 |

6 cose da sapere su Dogman, il film di Matteo Garrone che è già un successo

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

A Cannes 2018 è stato osannato. Ecco 6 cose da sapere su Dogman, il film di Matteo Garrone che è già un successo perchè fa riflettere, addolorare e arrabbiare con la verità. O, per lo meno, con uno dei volti della verità.

Esce oggi nelle sale cinematografiche italiane, il film Dogman di Matteo Garrone che ieri sera, al Festival di Cannes 2018, è stato applaudito per oltre 10 minuti. Un tempo infinito per essere riempito di applausi, non è vero? Eppure è accaduto a questo film incredibilmente toccante che, da questo 17 maggio 2018, potrà essere visto al cinema in una delle interpretazioni che la critica ha già definito “il miracolo di Garrone”. Ecco 6 cose da sapere sul film Dogman.

 

La trama di Dogman racconta, in una Roma degli anni ’80, nel duro quartiere della Magliana, la storia di Dogman, il così detto canaro, un uomo mite e buono, ma che come tale deve accettare la dura legge dello squallore metropolitano, della cattiveria e del degrado umano di stampo moderno. Marcello, questo il nome del protagonista, ama la figlia Alida e i cani che accudisce con dolcezza. Purtroppo il suo negozio di toelettatura, Dogman, è nel posto sbagliato, ovvero accanto a quello del bullo locale, l’ex pugile Simone, che intimidisce, taglieggia e umilia i negozianti del quartiere. Marcello procura a Simone quella cocaina che il bullo consuma in quantità industriali e i due sono “amici”. Finché un giorno Simone decide di far diventare il negozio di Marcello la  base operativa di una rapina… e non si potrà dire di no.

Il film Dogman è ispirato da un terribile fatto di cronaca, ovvero l’omicidio di Pietro De Negri, detto appunto il Canaro della Magliana (in romanesco er Canaro) e che negli anni 80, in seguito ad efferate torture, fu ucciso del criminale e pugile dilettante Giancarlo Ricci. Il film, per fortuna, è una storia nuova, con nomi di fantasia e una ricostruzione romanzata della vicenda storica ufficiale.

L‘interprete di Dogman è Marcello Fonte, attore poco conosciuto e già osannato dal pubblico per una interpretazione, a quanto pare, straordinaria. Nel 2018 ha inoltre lavorato con Daniele Luchetti per la realizzazione del film Io sono Tempesta, dove ha interpretato la parte del greco. Simone (Simoncino) è interpretato da Edoardo Pesce.

Il regista di Dogman è Matteo Garrone, noto specialmente per la trasposizione cinematografica di Gomorra, il primo e travagliatissimo romanzo di Roberto Saviano. Per il cinema, Garrone ha diretto i seguenti film:

  • Terra di mezzo (1996)
  • Ospiti (1998)
  • Estate romana (2000)
  • L’imbalsamatore (2002)
  • Primo amore (2004)
  • Gomorra (2008)
  • Reality (2012)
  • Il racconto dei racconti – Tale of Tales (2015)
  • Dogman (2018)

Matteo Garrone ha vinto diversi David di Donatello e Gran premi della giuria.

Sono molte le domande a cui Dogman ci sottopone, come in una specie di test con la nostra coscienza e con la nostra storia, e non è esagerato dire che storie come questa ci fanno interrogare sull’esistenza del Bene e del Male; film come Dogman ci servono per riflettere da che parte stare.

Potrebbe interessarti anche