13 marzo 2018 |

7 curiosità che forse non conoscevi su Coco, il nuovo film Disney Pixar

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Coco è un film di animazione che ha vinto un Oscar e che ha emozionato bambini e adulti. Ecco tutto quello che c’è da sapere sulla pellicola: 7 curiosità che forse non conoscevi su Coco, il nuovo film Disney Pixar.

Uscito nella sale lo scorso dicembre, dopo aver appassionato ed emozionato grandi e piccini Coco ha anche vinto l’Oscar 2018 come Miglior film d’Animazione. Dunque oggi, sia per chi l’ha già visto che per chi ancora deve guardarlo, vogliamo svelarvi qualche curiosità su Coco, il nuovo film Disney Pixar che porta sul grande schermo i colori del Messico e i valori della famiglia e che un po’ ci fa riflettere sulla situazione politica degli Stati Uniti dopo l’arrivo di Trump alla Casa Bianca.

Un film su un’avventura per coltivare un sogno

Coco è un omaggio ai sognatori ma è anche un film per bambini che ci insegna i valori più importanti della vita e della famiglia. È la storia di un ragazzo di 12 anni che sogna di diventare un musicista anche se la sua famiglia non appoggia questa scelta. Il suo idolo è Ernesto de la Cruz, che grazie all’aiuto di un compagno di avventure avrà occasione di incontrare. In realtà la parte più importante di questo film di animazione riguarda proprio le storie della famiglia di Miguel che il ragazzo racconta ad un amico truffaldino, Hector, che lo accompagnerà nella variopinta Terra dell’Aldilà. Ma ci fermiamo qui, perché nel caso in cui non l’abbiate ancora visto non vogliamo svelarvi troppo.

La tradizione messicana e il valore della famiglia

Coco è un film che racconta un’avventura ma che mette in scena la cultura messicana delle tradizioni e dei valori della famiglia, sempre nell’ottica di uno spaccato di vita del popolo messicano. L’obiettivo degli autori era proprio quello di affrontare temi importanti del loro folclore e di parlare delle tradizioni di questo popolo.

Tema di Coco: Lo dia de los muertos

Lo dia de los muertos una delle feste tradizionali messicane, che in realtà festeggiamo anche in Italia ma che in alcune culture ha un significato decisamente più profondo. Anche in Messico la festa dei morti viene festeggiare il primo di novembre e lo si fa decorando casa con piccoli altarini con immagini e oggetti che appartenevano alla persona passata “all’altro mondo”. Per i messicano lo dia de los muertos  è un giorno solenne da dedicare ai propri cari che non si sono più.

Una colonna sonora che colpisce

La colonna sonora di Coco è una di quelle che, per dirla in modo semplice, rimane in testa e piace fin da subito. È molto orecchiabile ed è stata creata dagli stessi autori di Frozen. Gli ideatori sono Kristen Anderson Lopez e Robert Lopez, che nel 2014 si sono anche aggiudicati un Oscar.

Un film con una lunga lavorazione 

In Coco nulla è stato lasciato al caso, ogni dettaglio è stato ben pianificato e progettato. Ci sono voluti mesi di lavoro anche per realizzare i look dei personaggi; in questo caso Disney dal punto di vista grafico ha deciso di puntare su colori vividi e allegri che incarnassero lo stile del Messico. Il film ha visto la luce dopo sei anni: era in produzione dal 2011!

Piante e fiori: solo la calendula

Di solito i cartoni animati Disney omaggiano con dovizia sia la flora che la fauna. Questa volta, però, l’unica pianta presente nel film, o meglio nella Terra dell’Aldilà, è la calendula, un fiore giallo legato alla tradizione del giorno dei morti. Secondo la cultura messicana, la calendula guida gli spiriti verso casa e li aiuta a ricongiungersi con i propri cari.

Gli attori del cast sono tutti di origine latina

Coco è un film coerente sotto ogni punto di vista. Il cast, infatti, è formato da attori di origine latina, una scelta volta a conferire al film una maggiore autenticità. La voce di Miguel, per esempio, appartiene a Anthony Gonzalez, quella di Ernesto de la Cruz invece a Benjamin Bratt.

LEGGI ANCHE:

Oscar 2018, tutti i vincitori

Potrebbe interessarti anche