06 febbraio 2018 |

5 modi per pulire le fughe dei pavimenti con metodi naturali

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Vediamo 5 modi per pulire le fughe dei pavimenti con metodi naturali, dal bicarbonato all’aceto e al vapore.

Le fughe dei pavimenti sono un ricettacolo di sporcizia e batteri perchè sono fatte di un materiale poroso che assorbe l’acqua utilizzata durante i lavaggi del pavimento, trattenendo l’umidità e favorendo la proliferazione di muffe.
Per mantenere puliti i pavimenti e le piastrelle, quindi, può essere utile praticare periodicamente anche una pulizia delle fughe che, anche se un po’ faticosa, è un’operazione che assicurerà la massima igiene.


Pulire fughe delle piastrelle con rimedi fai da te 

Soprattutto in ambienti come la cucina e il bagno, intorno ai lavandini o nella doccia, pulire le fughe dei pavimenti e delle piastrelle è quanto mai importante, ancor di più in presenza di bambini piccoli che possono contrarre infezioni.

Per un’azione disinfettante massima esistono ottimi metodi naturali per pulire le fughe dei pavimenti ed evitare al tempo stesso che si respirino gas nocivi per la salute: bicarbonato, acqua calda, vapore, aceto bianco o acqua ossigenata sono per esempio prodotti naturali ideali per la pulizia di fughe delle piastrelle del bagno e della cucina.

Vediamo ad esempio come si possono pulire le fughe delle piastrelle del bagno e della doccia. Il tipo di sporcizia che si deposita nelle fughe della doccia e intorno ai lavandini del bagno è per lo più una incrostazione calcarea: il rimedio naturale per sciogliere il calcare è da sempre l’aceto. Servendovi di un flacone vuoto con beccuccio spray, riempitelo per 2/3 di acqua tiepida e 1/3 di aceto bianco; spruzzate il mix su tutte le fughe delle piastrelle e lasciate agire. Con un vecchio spazzolino strofinate sulle fughe e risciacquate con uno straccio. Doccia e bagno saranno puliti e liberi da ogni incrostazione, anche nelle fughe.

Come pulire fughe piastrelle cucina con il bicarbonato

In cucina, dove oltre allo sporco si depositano anche i residui della cottura, si può utilizzare un mix di bicarbonato e acqua calda per pulire le fughe delle piastrelle e disinfettare la cucina e il pavimento. Il bicarbonato è infatti antibatterico, sbiancante, deodorante ed ecologico.

Istruzioni

  1. Mettete in una bacinella 100 grammi di bicarbonato di sodio e 200 ml di acqua calda e mescolate creando un composto denso
  2. Spargete il composto sulle fughe di piastrelle e pavimenti
  3. Strofinatelo con una spazzola
  4. Risciacquate il tutto e le vostre piastrelle saranno più pulite che mai.

Pulire le fughe con il vapore

Trattandosi di uno sporco unto e appiccicoso, quello della cucina può essere anche eliminato con getti di vapore direttamente sulle fughe e sulla superficie delle piastrelle: il vapore emesso attraverso un’apposito beccuccio sottile distrugge, sia per forza meccanica sia chimica, le particelle dello sporco depositate.

Nel caso in cui si puliscano le fughe con il vapore, però, i residui di sporco coleranno su piastrelle e pavimenti, motivo per cui sarà poi necessario eliminarli raccogliendoli con uno straccio e risciacquare fino alla pulizia completa. Anche se il lavoro sembra il doppio, l’igiene è davvero assicurata!

Possiamo poi utilizzare l’acqua ossigenata per pulire le fughe delle piastrelle e dei pavimenti. Utilizzando la normale acqua ossigenata disinfettante, applichiamola su tutte le fughe senza discioglierla in acqua e servendoci di un flacone con dispenser spray, strofiniamo et voilà! Inoltre i detergenti naturali sono nostri alleati per una pulizia delicata ed ecologica di pavimenti in marmo, legno, ceramica.

Pulire le fughe con la candeggina

Se volete affidarvi alla forza del cloro potete praticare una pulizia delle fughe con la candeggina. La candeggina è un preparato chimico a base di cloro e ha un potere incredibile contro la rimozione di funghi e batteri. In questo caso, però, trattandosi di un prodotto chimico è molto importante coprirsi naso, bocca e mani in quanto il gas rilasciato dalla candeggina è nocivo per le nostre vie respiratorie.

Se la utilizzate per pulire le fughe, è necessario applicarla e lasciarla agire per circa 20 minuti. La candeggina spray, per esempio, è ottima in quanto si può applicare il dosaggio giusto senza sprecare e facendo entrare il prodotto nei punti più difficili da raggiungere. Successivamente si può risciacquare con uno straccio e acqua tiepida. L’acqua in cui avrete sciacquato lo straccio dalla candeggina può essere riutilizzata per il lavaggio dei wc, per un’azione disinfettante.

Come pulire le fughe del pavimento in gres

Se avete un pavimento in gres potete realizzare un detersivo per pavimenti naturale con 3 litri di acqua calda, un bicchiere di aceto, 5 cucchiai di alcool e 3 cucchiai di sapone di Marsiglia in scaglie. Potete aggiungere anche qualche goccia di olio essenziale per donare una gradevole profumazione.

L’ideale per pulire il gres porcellanato? Acqua e aceto: lasciate agire sulle fughe e risciacquate con acqua tiepida.

Potrebbe interessarti anche