20 Ottobre 2017 |

Fiori autunnali: tutto quello ce c’è da sapere sul ciclamino

di cinziaR

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Tra i fiori autunnali c’è il ciclamino. Ecco tutto quello ce c’è da sapere per la sua cura: temperatura, luce e quantità di acqua.

Vediamo come prendersi cura delle piante di ciclamino durante e dopo la fioritura che avviene in autunno.

Temperatura adatta al ciclamino

La cura del pianta del ciclamino inizia con la temperatura corretta. In natura i ciclamini crescono in ambienti freschi e umidi, perciò se la temperatura della nostra casa è superiore a 20°C, durante il giorno e 10°C di notte, il ciclamino ne soffrirà e inizierà a morire lentamente. Temperature troppo alte, infatti, causano l’inizio dell’ingiallimento della pianta e l’appassimento dei fiori del ciclamino.

[prodotti_amazon]
[amazon] Semi per ciclamino [/amazon]
[amazon] Ciclamino 3 piante in semi [/amazon]
[amazon] Innaffiatoio 2 litri [/amazon]
[/prodotti_amazon]

I ciclamini, che vengono venduti come piante d’appartamento, inoltre, sono tropicali e non tollerano temperature inferiori ai 4 ° C, mentre quelli che vengono venduti in vivaio sono in genere più resistenti ma bisogna accertarsene con il florovivaista.

Nel loro clima nativ, i ciclamini fioriscono durante gli inverni miti, con temperature fresche e intorno ai 15-18 °C. Inoltre, essi preferiscono la luce indiretta, motivo per cui non dovrebbero mai stare sotto una finestra luminosa.

Acqua e annaffiamento del ciclamino

Nella cura di un ciclamino è poi bene assicurarsi che sia adeguatamente innaffiato, tenendo conto che i ciclamini sono sensibili all’inquinamento e alla troppa o alla scarsa quantità di acqua. Per questi motivi bisogna accertarsi che la terra sia ben drenata e con un mezzo di contenimento che trattenga bene l’acqua.

La regola giusta per innaffiare un ciclamino è quella di aspettare che il terreno sia asciutto al tatto, senza però attendere che si secchi nè dopo che le foglie e i fiori inizino a cadere, in quanto potrebbe essere già troppo tardi. L’ideale è mettere un piatto con l’acqua sotto al vaso della pianta e lasciare che questa assorba l’umidità dal basso per circa 15 minuti, poi eliminare il resto.

Fertilizzazione del ciclamino

Passiamo adesso al fertilizzante da usare nella cura delle piante di ciclamino. E’ necessario fertilizzare il ciclamino solo una volta ogni due mesi con fertilizzante solubile, diluito in metà dose d’acqua. Da notare che quando il ciclamino riceve troppo fertilizzante ha una reazione a tale overdose e si “addormenta”, tanto che può sembrare stia morendo. In realtà, sta solo “dormendo” e si risveglierà entro pochi mesi, se tenuto in un luogo fresco e in penombra.

Ora avete gli strumenti necessario per prendervi cura di questi bellissimi fiori autunnali, i ciclamini, che riempiono di colore e bellezza i giardini, le aiuole e le nostre case.