Patchwork giapponese, come realizzare splendide creazioni con la tecnica atarashii

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Avete adocchiato il patchwork giapponese? Ecco come realizzare splendide creazioni con la tecnica atarashii, un modo di fare quilting e patchwork davvero singolare!

Si chiama patchwork giapponese e si fa con la tecnica atarashii, ma si trova in rete anche come tecnica del quilting a cattedrale o patchwork circolare. Il motivo è che il patchwork atarashii si crea costruendo disegni geometrici con pezzi di stoffa rotondi e quadrati incastonati l’uno sull’altro come pezzi di una cattedrale.
Unendo figure geometriche di stoffa quadrate e tonde, poi, si possono creare nuove figure che ricordano le sinusoidi fatte a scuola sulla carta millimetrata  con il compasso  e il righello.

Tra le sue “qualità”, l’ atarashii ha proprio quella di rilassare ancor più delle altre tecniche di patchwork e quilting, proprio perchè si ripete sempre uguale a se stesso, unendo quadrati e cerchi l’uno accanto all’altro o l’uno sull’altro.

50 pezzi stoffa patchwork

17.68 €

Kit completo cucito 90 pezzi

33.38 € 12.21 €
Sconto del 63%

Guida al patchwork, spunti e idee

19.50 € 16.57 €
Sconto del 15%

Tecnica atarashii: step n. 1

  • Tagliate un pezzo di stoffa rotondo dopo aver disegnato un cerchio con il compasso
  • Ritagliate un quadrato di stoffa di tessuto differente in modo tale da poterlo inserire all’interno del vostro cerchio
  • Piegate i bordi tondi del cerchio sui lati del quadrato
  • Cuciteli con ago e filo: avare ottenuto la prima creazione con la tecnica atarashii.

Tecnica atarashii: step n. 2

Fate otto “mattonelle” come quella precedente con il patchwork atarashii e cucitele tra loro in modo da create una tovaglietta, un beauty case o un centrotavola.

Tecnica atarashii: step n. 3

Se vi piace il risultato, provate ad assemblare adesso cerchi e quadrati di colori differenti così da ottenere, piegando i bordi, forme e colori sempre diversi!

E’ il caso di dire: aguzzate l’ingegno e rispolverate dal cassetto compasso e goniometro!

Potrebbe interessarti anche