12 gennaio 2017 |

Piano di lavoro in cucina: quale materiale scegliere?

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità
piano lavoro cucina

Stai arredando casa e cerchi consigli? Piano di lavoro in cucina: quale materiale scegliere per rendere la tua cucina bella e funzionale? Scopriamo insieme i materiali più adatti alle tue esigenze per scegliere il top per la cucina perfetto per te!

Quale materiale scegliere per il piano di lavoro della cucina? Se devi trovare il top per la cucina e non sai da che parte iniziare, ecco una piccola guida per trovare il piano di lavoro per la cucina perfetto per le tue esigenze, senza rinunciare alla praticità e con un occhio di riguardo all’estetica. I materiali impiegati per la realizzazione dei top cucina sono davvero tanti: acciaio, legno, marmo, laminati, compositi e pietre naturali offrono una grande varietà di scelta. Scopriamo insieme quale materiale scegliere per il piano di lavoro in cucina in base alle caratteristiche specifiche, al budget e ai tuoi gusti estetici.


Piano di lavoro in laminato

piano cucina laminato

Il top in laminato consiste in un piano di legno pressato per creare la struttura e un rivestimento con un foglio di laminato che lo rende idrorepellente. Questo tipo di materiale per piano cucina è la scelta più frequente tra le persone perché garantisce una lunga durata, ha un costo contenuto, risultando accessibile a tutti, ed è disponibile in una vasta gamma di finiture e colori. Oltre ad essere longevo, ha anche il vantaggio di essere resistente ai graffi e agli urti, dimostrando una buona impermeabilità al vapore. Risulta un materiale facile da pulire e resistente alle macchie, visto che richiede una semplice passata con un panno in microfibra per la pulizia quotidiana. Tra i punti di debolezza di questo materiale c’è la sua scarsa resistenza al calore e per questo è importante evitare il più possibile il contatto diretto con oggetti molto caldi o bollenti.

Piano di lavoro in legno massello

piano lavoro legno massello

Se cerchi un materiale ecologico, il piano cucina in legno è la scelta che fa per te. Il legno, infatti, è un materiale naturale, molto piacevole al tatto e dalla bellissima resa estetica, capace di dare un tocco di natura a tutta la cucina. Tra i suoi difetti, però, non possiamo trascurare il costo elevato e la sua delicatezza perchè si tratta di un materiale molto sensibile che richiede cura e attenzione, nonostante venga trattato prima di essere posato. Risulta poco resistente al calore, all’umidità e ai graffi, dimostrandosi più facilmente attaccabile dai batteri.

Piano di lavoro in quarzo

piano lavoro quarzo

Un altro materiale che sta prendendo piede nelle cucine è il quarzo, un materiale estremamente robusto e resistente e quindi durevole nel tempo. Inoltre il piano cucina in quarzo ha il grande pregio di essere molto elegante e regala a tutto l’arredo un aspetto decisamente raffinato. Non è un materiale molto poroso, per cui ha un’ottima resistenza alle macchie perché inattaccabile da parte dei liquidi che vengono spesso utilizzati in cucina, ad eccezione delle sostanze molto acide, come gli agrumi. Inoltre il piano di lavoro della cucina in quarzo non ha una grandissima resistenza al calore e quindi è sconsigliabile appoggiare piatti e pentole molto calde direttamente sul top.

Piano di lavoro in acciaio

piano lavoro acciaio

Resistentissimo al calore, il piano di lavoro per la cucina in acciaio è un must have delle cucine professionali. L’acciaio inox, infatti, ha un’elevata resistenza al calore e alle macchie, oltre ad essere altamente igienico e per nulla poroso. Facile da pulire, con aceto o prodotti specifici per l’acciaio, il top in acciaio ha il grande difetto, però, di mostrare ogni singola impronta e per questo deve essere pulito più volte al giorno per evitare di vedere ditate sul piano. Tra i suoi difetti si riscontra la possibilità di subire graffi e ammaccature, eventualità che varia in base al tipo e alla qualità dell’acciaio scelto.

Piano di lavoro in pietra lavica

piano lavoro pietra lavica

Tra materiali per i top della cucina più interessanti e belli troviamo la pietra lavica, caratterizzata da una grande resistenza e impermeabilità alle macchie, ai graffi e al calore. Ovviamente si tratta di una pietra naturale che subisce un processo di lavorazione in grado di renderla maggiormente resistente a macchie, umidità e calore, diventando un materiale idoneo per l’arredo di cucine e bagni. Tra gli svantaggi del piano lavoro in pietra lavica troviamo il costo molto più elevato rispetto alle altre soluzioni.

Piano di lavoro in corian

Piano lavoro corian

Il corian è una resina duttile che ha rivoluzionato la produzione dei piani cucina e piani bagno, poiché si tratta di un materiale dotato degli stessi pregi dei piani cucina in pietra senza avere i classici difetti dei piani lavoro in materiale sintetico, come l’usura e la porosità. Il top cucina in corian è quindi un ottimo compromesso per chi cerca un piano lavoro liscio, resistente ed esteticamente elegante utilizzando un materiale non naturale. Tra i suoi pregi, oltre alla resistenza alle macchie e agli anni, troviamo la sua grande duttilità, qualità che lo rende un materiale perfetto per essere modellato per creare forme particolari, adattandosi perfettamente a livello estetico ad ambienti classici e ad arredi moderni, soprattutto grazie anche alla gamma di colori e finiture disponibili in commercio.

Leggi anche:

Claudia S.

Potrebbe interessarti anche