10 Luglio 2014 |

Caschetto scalato, 5 idee per il tuo taglio di capelli

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Taglio di capelli “a caschetto scalato”. Il classico e raffinato caschetto non passa mai di moda. Da sfoggiare in ogni stagione, lo vedi sulle passerelle, sui red carpet e per strada. Le donne lo amano da sempre e anche le “It- girl” non rinunciano a questo taglio reinterpretato e riproposto in varie forme e lunghezze.

Il caschetto scalato delinea e snellisce il viso ed è perfetto soprattutto su un viso ovale o tondo, accompagnato da una frangetta laterale che addolcisce lo sguardo. In più, le linee morbide che fanno da contorno al viso e ai ciuffi sfilettati più lunghi danno quell’aria giovanile.

Il caschetto può avere diverse lunghezze: cortissimo, corto (poco sotto le orecchie) o anche medio (altezza del collo/spalle).
Tra le novità di quest’anno il top è il carré wavy, un capello mosso da onde delicate. Un taglio facile da portare, non troppo impegnativo, e molto comodo.
I carré si movimentano nelle punte attraverso sforbiciate leggere che donano un tocco sbarazzino, soprattutto per chi ha i capelli sottili. Per definire il look si può scegliere un bel ciuffo da portare a lato e per dare un tocco di fantasia a questo taglio piuttosto classico, si può scegliere la versione dégradé. tra le tendenze del momento, da portare con frangia lunga e piena o corta, liscio o riccio. Un taglio vintage, molto anni ‘30.

Più glamour del carré classico, il caschetto dal taglio asimmetrico con frangia: moderno, femminile gioca con la lunghezza. Gli hair stylist lo reinterpretano con scalature audaci e strizzano l’occhio al passato, in particolare agli anni ’80 e al mood glam rock.

Sbarazzino e freestyle il caschetto spettinato, che rivoluziona il look e può essere più corto per adattarsi ai visi dai tratti decisi mentre, composto da tagli netti e irregolari, dona maggior carattere ai volti minuti.

Il caschetto è il migliore alleato delle donne eleganti e impegnatissime, poiché non ha bisogno di troppe attenzioni.

Paola Medori