Non perdere le ultime novità di Donnaclick! Iscriviti alla newsletter

5 consigli per tutelare la privacy su Facebook

Società - 28 marzo 2018

Volete proteggere i vostri dati sui social network? Allora dovreste seguire questi 5 consigli per tutelare la tua privacy su Facebook ed evitare i ficcanaso. E' sufficiente settare nel modo corretto tutte le impostazioni e prendere qualche precauzione!

Probabilmente non vi siete mai preoccupate della privacy sui social network; il problema, come tutti, ve lo sarete posto soltanto nel momento in cui vi siete trovate nella condizione di non voler mostrare cosa fate e cosa condivide a qualcuno, ad un ex fidanzato ad esempio, oppure a una persona che non vi va molto a genio. In realtà è una questione che tutti dovremmo porci, quantomeno per poter postare liberamente foto e contenuti. Dunque ecco i nostri 5 consigli per tutelare la tua privacy su Facebook.

Impostare un password sicura

La prima cosa da fare per proteggere i propri dati online è scegliere una password abbastanza complessa, seguendo qualche piccola regola ma soprattutto con commettendo un errore banale in cui è facile incappare: non si dovrebbe mai usare la stessa password di Facebook per altri canali online, anche se ricordarne solo una è comodo, e non bisognerebbe mai condividere i propri dati di accesso con nessuno, neppure con la più cara amica. Nella scelta della password bisogna poi ricordarsi di inserire sempre simboli, numeri, caratteri minuscoli e maiuscoli.

Controllare il pubblico dei post

Avrete sicuramente notato che per ogni fotografia o post condiviso su Facebook, di volta in volta si può impostare a che pubblico mostrarlo, quindi scegliere se condividerlo soltanto con gli amici oppure renderlo pubblico, quindi accessibile a tutti. In realtà su Facebook è possibile impostare anche “cerchie” più o meno ristrette di contatti per poter condividere i propri post solo con alcune categorie di persone o, in alternativa, utilizzare le cerchie per escludere alcuni contatti, per esempio il proprio capo o i colleghi di lavoro. Può essere un po’ laborioso all’inizio, ma dopo semplificherà la vita!

Controllo sui tag

Attraverso le impostazioni sulla privacy di Facebook è possibile impostare i filtri sui tag, ovvero scegliere se approvare o meno un contenuto su cui si viene taggati da un tuo amico. Che sia una foto in cui non siete venute bene e che non vi piace mostrare o qualsiasi altro tipo di contenuto che non gradite visualizzare sulla bacheca, potrete escluderlo dal diario impostando il controllo dei tag. Verrete così avvisate con una notifica ogni volta che qualcuno vi tagga in un post e stabilire di volta in volta se mostrare il post sul diario o meno.

 Scegliere chi può trovarvi su Facebook

Avrete sicuramente notato, cercando qualche vecchio amico su Facebook, di non riuscire a trovare il contatto che vi interessa anche se siete sicure che qualcuno di vostra conoscenza lo abbia tra le sue cerchie di amici sui social. Anche voi in realtà potete impostare dei filtri sulla ricerca di Facebook, in modo tale da non trovarvi nella situazione scomoda di dover rifiutare una richiesta d’amicizia. Potete scegliere se risultare nelle ricerche di Facebook oppure no o se a inviarvi richieste d’amicizia possono essere solo persone con cui si hanno contatti in comune. Le possibilità sono tante, basta settare le giuste impostazioni sul pannello Privacy!

Parola d’ordine: “Logout”

Sarà capitato anche a voi di usare i social anche da altri dispositivi, per esempio dal computer dell’ufficio o dal tablet di un amico. Ricorda sempre di fare il logout, perché finchè non lo farete il vostro account continuerà ad essere attivo e utilizzabile sugli altri dispositivi. Inoltre è possibile impostare su Facebook un’opzione che permette di ricevere una notifica ogni volta che viene effettuato un accesso da un dispositivo non riconosciuto.

Per quanto riguarda il resto, purtroppo c’è poco da fare: ogni volta che condividiamo qualcosa su Facebook in realtà stiamo rinunciando volontariamente a un pizzico di privacy perché, diciamolo, c’è chi usa i social per lavoro, chi lo fa per divertimento e  chi lo utilizza anche per farsi gli “affari” degli altri.

LEGGI ANCHE:

Dipendenza da Facebook, sintomi, cause e cure

MOSTRA COMMENTI

COMMENTA