Non perdere le ultime novità di Donnaclick! Iscriviti alla newsletter

Il meglio e il peggio della terza serata di Sanremo 2018

Società - 9 febbraio 2018

Dicono tutti bene di Sanremo 2018! Ecco il meglio e il peggio della terza serata , i look, i momenti più emozionanti, gli ospiti del Festival e qualche critica.

La terza serata del Festival di Sanremo 2018 è stata un successo annunciato.

Ormai, infatti, a Sanremo 2018 pare filare tutto liscio come l’olio e, giunti a questa terza serata del Festival, con Baglioni più che a suo agio, Michelle al settimo cielo e Favino serafico, quasi ci sembra non possa accadere nulla di imprevedibile o lontanamente “criticabile”.

Chissà se finiremo per annoiarci con un Festival in cui va tutto bene… fin troppo bene! Ma cos’è successo durante la terza serata del Festival di Sanremo 2018?

Partiamo dal peggio: il vestito di Noemi. Con un look forzato e fin troppo osé e una scollatura a dir poco provocante, l’abito di Noemi, ha quasi rovinato la sua performance canora e il risultato finale.

Un po’ di tensione, purtroppo, si è vista poi nella faccia di Ermal Meta, probabilmente provato dalla lunga disquisizione sulla sua ammissibilità al Festival di Sanremo 2018 a causa di un possibile plagio nella sua canzone. La buona notizia è che il pezzo in gara di Meta-Moro è nella top ten nella classifica della terza serata di Sanremo 2018 e il plagio è stato scongiurato.

Baglioni canta un po’ troppo? Forse dovrebbe rendersi conto che le cinque serate del Festival non equivalgono ad un suo lungo concerto…

L’ultimo abito di Michelle Hunziker non le rendeva merito, sia per il color rosa un po’ stucchevole sia per la vestibilità che toglieva forma ed eleganza alla bella Michelle.

Il meglio di questa terza serata di Sanremo 2018?

Praticamente tutto il resto!

Dai Negramaro che hanno cantato con Claudio Baglioni, a Virginia Raffaele che ha ironizzato su Baglioni in maniera originale, come solo lei sa fare, all’esibizione di Gino Paoli e Danilo Rea, con tanto di pianoforti a coda e Revival di emozioni a suon di bellissima musica italiana e un omaggio a Fabrizio De Andrè ed Umberto Bindi.

Suspance ed emozione anche per l’esibizione di Giorgia e James Taylor che ha commosso e ammaliato; ma Giorgia, si sa, a Sanremo è di casa!

Il look di Michelle Hunziker, in questa terza di Sanremo 2018, è stato ispirato agli anni ’30 con una acconciatura raccolta che le dava un’aria decisamente swing.

La vera celebrity della terza serata di Sanremo 2018?

La “vecchia che balla”, ovvero la 83enne ballerina Paddy Jones che si esibisce con il gruppo Lo Stato Sociale e che, già da giorni, sta spopolando sul web e nei social con gli hashtag #vecchiacheballa e #statosociale.

Una trovata geniale e fortunata, quella della anziana signora che si scatena e si diverte con la sua danza”fregandosene” altamente dell’età o di ciò che la gente potrebbe pensare nel vedere una donna non più giovane e bella fare tali acrobazie. Perchè, come ha osservato, giustamente Sabrina Impacciatore nel Dopofestival, le donne (le femmine, ha detto lei) devono ricordarsi di giocare e divertirsi sempre, uscendo dai ruoli e dagli schemi che spesso le ingabbiano e le rendono infelici.

E sinceramente Paddy Jones e, a modo suo, questa nuova versione di Sanremo 2018 dedicata alle donne e alla violenza contro di esse, ce lo stanno insegnando.

MOSTRA COMMENTI

COMMENTA