Non perdere le ultime novità di Donnaclick! Iscriviti alla newsletter

Periartrite scapolo omerale: sintomi, terapia ed esercizi

Salute - 2 maggio 2018

Soffrite o temete di soffrire di periartrite scapolo omerale? Ecco i sintomi, terapia ed esercizi per conoscere e affrontare questa patologia muscolo scheletrica.

La periartite è un’infiammazione che colpisce una o più parti di un’articolazione: legamenti, tendini, cartilagini e capsule articolari. Conosciuta anche come malattia di Duplay, dal nome del chirurgo che ne parlò per primo, la periartite si manifesta maggiormente nell’articolazione dell’anca e in quella della spalla, che viene detta articolazione scapolo omerale.

Una periartite può avere diverse cause, nella maggior parte dei casi, traumi, sforzi eccessivi o sforzi prolungati nel tempo che determinano un’usura di quella determinata articolazione. Talvolta si può trattare di forti sbalzi termici o di un’esposizione ripetuta al freddo, in altri casi può essere anche associata ad artrosi, diabete e alterazione della postura.

Si parla di periartrite scapolo omerale quando è in atto un processo infiammatorio o degenerativo dell’articolazione della spalla. Nello specifico le parti della spalla che possono infiammarsi sono:

  • Tendini della cuffia dei rotatori
  • Capsula dell’articolazione scapolo-omerale, che si trova tra la scapola e l’omero
  • Borsa subacromiodeltoidea, ossia lo spazio di scivolamento tra la cuffia dei rotatori e il muscolo deltoide e l’acromion.

Specie nel caso di eccessivi sforzi o strappi, in concomitanza con l’infiammazione articolare può ovviamente infiammarsi anche il muscolo deltoide stesso. Generalmente, però, un’infiammazione o anche uno strappo del muscolo si può curare in una maniera relativamente più semplice e veloce di una periartite scapolo omerale.

Sintomi della periartite scapolo omerale

I sintomi della periartrite scapolo omerale si presentano generalmente con particolare intensità ed evidenza e sono:

  • Dolore intenso ad una spalla presente sia a riposo sia durante l’esecuzione dei movimenti con il braccio
  • Limitazione di alcuni movimenti in paricolare quello di abduzione e di intrarotazione
  • Perdita di forza dell’arto colpito.

Per ottenere una diagnosi corretta nel caso si presentino uno o più di questi sintomi è ovviamente necessaria una prima visita da uno specialista, ossia un’ortopedico o un fisioterapista. Il medico, generalmente, effettua una serie di test articolari, muscolari e ortopedici per capire la cause e l’origine del dolore.

Lo specialista infatti, conoscendo i sintomi, è in grado di capire se si tratta di un dolore muscolare o di un dolore osteo-articolare, e quindi di una possibile periartite. Eventualmente il medico può ritenere opportuno prescrivere un’indagine radiografica o un’ecografia della cuffia dei rotatori.

Terapia della periartite scapolo omerale

Una volta appurato che si tratta di una periartite scapolo omerale, la terapia può variare a seconda della gravità del caso. Le forme meno gravi di periartrite guariscono anche solo lasciando a riposo l’articolazione sofferente per un certo periodo di tempo. Le forme di gravità intermedia richiedono anche, in genere, un trattamento di tipo conservativo. Ecco cosa può prevedere la terapia:

  1. Immobilizzazione della spalla
  2. Infiltrazioni locali di cortisone, soprattutto nei casi più gravi e nella fase iniziale caratterizzata da un blocco dell’articolarzione
  3. Applicazioni di ghiaccio
  4. Antinfiammatori potenti (corticosteroidi)
  5. Analgesici o antinfiammatori Fans per via intramuscolare (anche se nella fase acuta di questa patologia risultano spesso poco efficaci)
  6. Trattamento riabilitativo con esercizi mirati
  7. Intervento chirurgico nei casi in cui tutte le altre terapie non abbiano dato risultati.

Esercizi terapeutici per la periartite scapolo omerale

Gli esercizi riabilitativi in questo caso non devono mai essere svolti da soli senza la supervisione e il consiglio del terapeuta perchè potrebbero persino peggiorare la situazione. Il fisioterapista può far praticare esercizi per il rafforzamento graduale e progressivo dei muscoli vicini all’articolazione, come ad esempio l’esercizio del pendolo di Codman:

  1. Utilizzare un peso da un kilogrammo impugnandolo, favorendo la forza di gravità e con oscillazioni lente in tutti i piani di movimento dello spazio per decoattare l’articolazione della spalla. Ripetere per più volte durante la giornata per un minuto per ripetuta
  2. Portare a livello del capo un bastone impugnato con due mani ripetendo l’esercizio per 3 serie da 10 ripetizioni.
MOSTRA COMMENTI

COMMENTA