Non perdere le ultime novità di Donnaclick! Iscriviti alla newsletter

Tutto quello che c’è da sapere sulla malattia infiammatoria pelvica

Salute - 5 febbraio 2018

Tutto quello che c’è da sapere sulla malattia infiammatoria pelvica, una patologia che colpisce l’apparato riproduttore femminili e che può avere risvolti spiacevoli.

Avete mai sentito parlare di malattia infiammatoria pelvica? È un’infiammazione che interessa gli organi riproduttivi femminili che spesso non presenta sintomi particolarmente evidenti. Ecco tutto quello che dobbiamo sapere dunque sulle cause della malattia infiammatoria pelvica, sui sintomi e sulle possibili cure.

C0s’è la malattia infiammatoria pelvica?

È un tipo di infiammazione che può colpire utero, ovaie, peritoneo pelvico e tube di Falloppio causata da agenti infettivi che si trasmettono per via sessuale, come per esempio la clamidia, ma che può anche causata da altri microorganismi presenti nell’area genitale femminile; in ogni caso si tratta di una malattia sessualmente trasmissibile.

Questa malattia può presentarsi con sintomi lievi come fastidio e dolore addominale, ma spesso è causa di perdite vaginali e mestruazioni poco regolari, febbre e sensazione di bruciore durante la minzione. Anche se i sintomi spesso non creano particolari disturbi, è importante curare la malattia infiammatoria pelvica perché può essere causa di infertilità e di gravidanze ectopiche.

Come curare la malattia infiammatoria pelvica

Di solito se l’infiammazione è già in corso, dopo visita ginecologica, pap test e altri esami del caso, alla paziente viene prescritta una cura antibiotica. Nei casi più gravi invece può rendersi necessaria persino una laparoscopia. Per combattere la Pid in modo naturale gli esperti consigliano di assumere cibi ricchi di vitamina C. Anche l’aglio è un toccasana contro le infiammazioni di questo tipo, ma ovviamente i trattamenti naturali andranno a coadiuvare la cura farmacologica prescritta dal medico. Inoltre, trattandosi di una malattia sessualmente trasmissibile, in fase preventiva bisognerebbe utilizzare gli strumenti più idonei, primo su tutti il preservativo.

MOSTRA COMMENTI

COMMENTA