Non perdere le ultime novità di Donnaclick! Iscriviti alla newsletter

Bronchiolite, sono sempre di più i neonati colpiti: ecco come prevenire

Salute - 11 dicembre 2017 Vedi anche: Malattie da raffreddamento

Avete mai sentito parlare di bronchiolite? È una malattia che colpisce i neonati e che si manifesta con sintomi molto simili a quelli della comune influenza. Ecco come prevenirla.

La bronchiolite è una malattia poco conosciuta, anche se sono sempre di più i neonati colpiti. Pare che ogni anno più o meno ci siano 150 nuovi casi di bronchiolite, una patologia respiratoria che colpisce i bronchioli, ovvero la parte terminale delle vie aeree. Ecco tutto quello che dovete saper su come prevenire la bronchiolite nei bambini.

Secondo diverse statistiche, la bronchiolite rappresenta la seconda causa di mortalità dopo la malaria nei Paesi in via di sviluppo; si calcola infatti che questa malattia respiratoria in questi paesi colpisca il 70% dei bambini con meno di un anno di vita. Purtroppo si tratta di una malattia molto aggressiva, che può essere causa di sintomi molto importanti che, appunto, possono compromettere lo stato di salute del neonato fino a provocarne la morte.

Come curare la bronchiolite

La bronchiolite, malattia provocata dal virus respiratorio sinciziale (Rsv), in realtà non è curabile, nel senso che non esiste un unico trattamento, anche se a causa dei sintomi il tasso di ospedalizzazione negli ultimi anni ha registrato un incremento, specialmente nei casi di bambini nati prematuri o che soffrono di altre malattie come la fibrosi cistica o patologie cardiache. In realtà spesso la malattia non viene identificata subito, dato che i sintomi sono tali e quali a quelli di un comune raffreddore, quindi naso che cola, tosse, febbre, respirazione affannosa e rumorosa. Ecco perché anche in presenza della comune influenza bisognerebbe comunque consulta il pediatra.

Come prevenire la bronchiolite

Purtroppo la bronchiolite non è una malattia facile da prevenire, ma senza dubbio adottando qualche piccola precauzione potremmo ridurre il rischio che il bambino possa venire a contatto con il virus e quindi contrarre la malattia. Prendete dunque l’abitudine di lavare regolarmente i giocattoli e di pulire le mani del bambino quanto più spesso possibile. I bambini che non hanno ancora compiuto il primo anno di vita, poi, dovrebbero stare lontani persone che hanno l’influenza ma anche un comune raffreddore. Mai fumare in casa, infine, neppure in ambienti diversi da quelli condivisi con il bambino!

LEGGI ANCHE:

Bronchite asmatica nei bambini e negli adulti: cause e rimedi

MOSTRA COMMENTI

COMMENTA