Non perdere le ultime novità di Donnaclick! Iscriviti alla newsletter

Trucchi e consigli utili per dare le medicine ai bambini

Mamma - 30 gennaio 2018 Vedi anche: Pediatria

Somministrare i farmaci ai bimbi può diventare un’impresa impossibile e comunque richiede tanto tempo, a meno che non seguiate questi trucchi e consigli utili per dare le medicine ai bambini, anche quando hanno un cattivo sapore.

Ogni genitore lo sa già: non è affatto facile convincere i bambini a prendere le medicine, neppure quelle che in realtà hanno un sapore gradevole! E ci sono anche bimbi che si sono fatti pianti lunghissimi per colpa dell’aerosol… Dunque vediamo come dovremmo comportarci e quali sono i trucchi e i consigli utili per dare le medicine ai bambini.

Usare siringhe graduate

I bambini non voglio prendere lo sciroppo, figuriamoci lasciarsi pungere da un ago! Effettivamente in questo caso la siringa graduata ci serve per fare in modo che i bambini riescano a ingerire, un po’ a forza a dire la verità, lo sciroppo e in generale tutti i farmaci liquidi.

Camuffare il sapore dei farmaci “cattivi”

Molte mamme per alterare il sapore dei farmaci spesso utilizzano l’acqua, ma diluire le medicine non sempre è una buona abitudine. Quello che potremmo fare è addolcire la disperazione della medicina amara con un cucchiaino di zucchero, anche se potremmo addirittura provare a mettere lo sciroppo amaro in un cucchiaio di gelato; tra l’altro il freddo tende a neutralizzare i sapori.

Niente trattative sui farmaci

Qualche volta ci sforziamo di trattare con i piccoli, ma così in un certo senso li viziamo. La politica del premio non funziona, anzi, rischia di diventare controproducente, visto che il momento della medicina verrà sempre percepito come una punizione e un sacrificio che in qualche modo dovrà essere ricompensato.

Niente supposte se non è proprio necessario

La supposta è sicuramente la parte più difficile: è fastidiosa per noi adulti, figuriamoci per i bambini! L’unica cosa da fare in questi casi è provare a trovare un’alternativa con l’aiuto del pediatra. Altrimenti dovremo stringere i denti e impiegare almeno dieci minuti, se non di più, per riuscire a somministrare ai bambini questo tipo di farmaco.

La paura dell’aerosol

Spesso non si tratta di una vera e propria paura: semplicemente l’aerosol tra i trattamenti è uno dei più lunghi e noiosi. A volte, però, a spaventare i bambini è il rumore della macchinetta per l’aerosol, dunque il consiglio in questi casi è semplice e banale: procuratevi una macchinetta a ultrasuoni, che tra l’altro è anche più veloce.

Leggi anche:
Tosse bambini, quali farmaci e rimedi davvero efficaci

MOSTRA COMMENTI

COMMENTA