Non perdere le ultime novità di Donnaclick! Iscriviti alla newsletter

Osteopatia e neomamme, tutto quello che c'è da sapere

Mamma - 25 settembre 2017 Vedi anche: Gravidanza e Parto

Mal di schiena dopo il parto? È molto diffuso ma non sempre può essere trattato con i farmaci per via dell’allattamento. Dunque, a proposito di osteopatia e neomamme, ecco in che modo la manipolazione può aiutarvi a convivere con il dolore alla schiena.

Il mal di schiena è uno dei disturbi più frequenti tra le neomamme. Il dolore di solito viene associato ai postumi del parto e via via tende a sparire da solo, fino a quando però non ci troviamo di nuovo a sforzare la schiena, magari passando molto tempo con il neonato in braccio. Secondo diverse ricerche, l’osteopatia può aiutare le neomamme a combattere il mal di schiena senza assumere farmaci, un aspetto fondamentale per coloro che hanno deciso di allattare al seno.

Il mal di schiena durante gli ultimi mesi di gravidanza è fisiologico e viene associato alla pesantezza della pancia che costringe ad assumere una posizione scorretta. Il dolore alla schiena, però, può persistere ancora per qualche mese dopo il parto; in tal caso, per evitare di assumere antinfiammatori, si può ricorrere alla manipolazione dall’osteopata.

Uno studio, infatti, ha diviso in due gruppi differenti 80 donne accomunate dal mal di schiena post parto: il gruppo sottoposto a manipolazione da parte di un osteopata ha riscontrato immediatamente benefici rispetto al secondo gruppo, a cui appartenevano le donne che non si erano sottoposte a nessun tipo di terapia. Il dolore per le neomamme sottoposte a trattamento non farmacologico si è ridotto del 70%, un dato importante se consideriamo che il mal di schiena dopo la gravidanza è molto diffuso.

Dunque, se anche voi soffrite di mal di schiena e state ancora allattando, forse dovreste seriamente prendere in considerazione la possibilità di rivolgervi a un osteopata!

MOSTRA COMMENTI

COMMENTA