Non perdere le ultime novità di Donnaclick! Iscriviti alla newsletter

IL PEDIATRA RISPONDE

Il Dottor Alberto Ferrando è Pediatra, Presidente dell’Associazione Pediatri Liguri e Vicepresidente della Società Italiana di Pediatria della Liguria. Istruttore Nazionale Rianimazione cardiopolmonare e defibrillatore. Formatore di Corsi di Primo Soccorso Pediatrico. Collaboratore a trasmissioni televisive e quotidiani su temi pediatrici. Risponde alle domande delle mamme cercando di aprire un dibattito tra medico e genitore, orientato a decifrare i bisogni dei bambini.

Genitali dei bambini, fimosi e altre cose importanti da sapere

Mamma - 31 maggio 2017 Vedi anche: Il pediatra Risponde, Pediatria

Con il Dott. Ferrando, parliamo di genitali dei bambini, fimosi e altre cose importanti da sapere per la cura e l'igiene intima dei neonati.

Sui genitali maschili dei bambini i genitori si fanno molte domande e le più frequenti riguardano:

  • dimensioni
  • fimosi e parafimosi
  • testicoli (criptorchidismo, testicolo in ascensore, idrocele).

Vediamo di chiarire qualche punto importante sui genitali dei bambini maschi.
Pene piccolo del bambino

Una domanda che viene posta abbastanza frequentemente al pediatra durante la visita al bambino è se “lì è tutto a posto” ove per “lì” s’intendono i genitali la cui valutazione fa parte integrante della visita pediatrica.

I pediatri, spesso, debbono tranquillizzare genitori, e anche bambini grandicelli, sulla normalità delle dimensioni del pene in quanto molte volte, soprattutto se il bambino è cicciottello, le dimensioni appaiono piccole rispetto a quelle dei coetanei. Esiste, inoltre, una grande varietà nelle dimensioni del pene in qualsiasi età e, soprattutto, nel periodo dello sviluppo quando i genitali passano dallo stato infantile a quello adulto.

Per approfondire l’argomento:

 Come crescere mio figlio

16.90 € 14.37 €Sconto del 15%

Scopri su Amazon

 Primo soccorso pediatrico

16.90 € 14.37 €Sconto del 15%

Scopri su Amazon

 I bambini crescono nonostante gli adulti

Scopri su Amazon

 

Fimosi

Alcune mamme dei maschietti appena nati, spesso, un po’ preoccupate, pongono al pediatra domande del tipo: “Dottore, mi dicono tutti che devo fare la ginnastica al pisello del bambino!“. Nel neonato e nel lattante, e in molti bambini nei primi anni di vita, è impossibile retrarre il prepuzio e scoprire il glande. E su questo se ne possono sentire di tutti i colori: c’è sempre qualcuno (la cugina, la mamma di un altro bambino, l’educatrice del nido, la nonna) che insiste: “Devi aprire il pisellino, sennò resta chiuso e bisogna operare!”, “A mio figlio lo hanno fatto…”. Ed è vero perché una volta questa manovra, non priva di effetti collaterali oltre che dolorosa, determinava conseguenze a breve e lunga distanza. A breve: dolore intenso per cui il bambino piange e non fa la pipì per ore, e talora, per tutta la giornata. A lunga distanza: si possono creare lesioni cicatriziali per cui si rende effettivamente necessario un intervento chirurgico di circoncisione. Il prepuzio è la pelle che ricopre il glande e nei bambini l’importante è che lasci passare la pipì, per cui è “incollato” con la sottilissima mucosa che riveste il glande impedendo così l’accumulo di sostanze nel solco balano prepuziale e le conseguenti infezioni. Nulla è casuale in natura: il nostro corpo è il risultato di un lunghissimo processo di evoluzione che è durato milioni di anni. Neppure il pisellino dei neonati sfugge a questa regola, perciò si può certo forzare la natura e sfoderare con violenza il pisellino, ma ciò che si ottiene è non solo dolore e spargimento di sangue, ma soprattutto la normale reazione di un tessuto biologico alle lacerazioni, la cicatrizzazione, con il probabile risultato di un esito fibroso che deve essere rimosso chirurgicamente. Se non si fa nulla, crescendo avverrà, nella maggior parte dei bambini, lo scollamento e il prepuzio scivolerà sul glande.

Quando può accadere varia molto da bambino a bambino: in alcuni a pochi anni, molti verso i 6-7 anni, ma in alcuni casi anche più tardi. L’importante è che capiti prima della maturazione sessuale. Quindi cosa fare? Assolutamente nulla! Si devono evitare manovre di scollamento, salvo situazioni particolari, e, in caso di dubbi, consultate il pediatra che assisterà insieme a voi alla normale evoluzione, come fa per altre cose altrettanto importanti. Alcune religioni, o anche abitudini, prevedono la circoncisione un’operazione che consiste nel tagliare e asportare la parte terminale del prepuzio, consentendo al glande di essere sempre scoperto. La vera fimosi è il restringimento dell’orifizio prepuziale che non permette di scoprire il glande dopo una certa età: in periodo prepubere e pubere il prepuzio deve scorrere sul glande. Non è fimosi il prepuzio esuberante (a proboscide) e non sono fimosi le aderenze balano-prepuziali fisiologiche dei primi anni di vita, per cui il prepuzio resta fissato al glande in almeno un quinto dei maschi anche dopo i primi due anni di vita e si libera solo negli anni successivi, di norma prima dell’età scolare. Tali aderenze balano-prepuziali fisiologiche vanno rispettate e le manovre di scopertura forzata del glande staccando le aderenze sono da evitare.

 

Parafimosi

La parafimosi si verifica quando il prepuzio, non ancora aperto del tutto, viene retratto dietro il glande e non può essere riportato alla sua posizione originale. Si determina quando si cerca di tirare indietro il prepuzio in un periodo in cui non si è ancora completamente aperto (fimosi fisiologica). Una volta che la pelle è intrappolata, si verifica un gonfiore nell’area circostante (edema) che peggiora la restrizione del prepuzio, come a formare un “anello di pelle” molto stretto: dolore e gonfiore sono i sintomi caratteristici. Cosa non fare? Non forzare mai a tirare indietro il prepuzio. Cosa fare se avviene? Cercare di prendere tra le dita il prepuzio per riportalo in posizione. Se non si riesce contattare un pediatra o portare il bambino al Pronto Soccorso.

Parleremo più avanti di testicoli, criptorchidismo, testicolo in ascensore, idrocele.

Articolo scritto da: Dottor Alberto Ferrando

MOSTRA COMMENTI

COMMENTA