Non perdere le ultime novità di Donnaclick! Iscriviti alla newsletter

Bambini, pranzi e cenoni delle feste: 5 cose da sapere e come comportarsi

Festività - 21 dicembre 2017 Vedi anche: Natale, Natale bambini

Arrivano ipranzi e cenoni delle feste. E i bambini? Come comportarsi e che cosa dare loro da mangiare durante le feste? Ce lo spiega il Pediatra in 5 punti chiari e sintetici.

AWS Access Key ID: AKIAJHOTDZCWIDJIMRTQ. You are submitting requests too quickly. Please retry your requests at a slower rate.AWS Access Key ID: AKIAJHOTDZCWIDJIMRTQ. You are submitting requests too quickly. Please retry your requests at a slower rate.

Ecco alcuni consigli per affrontare e vivere al meglio i pranzi natalizi in famiglia e con i bambini. 5 punti da tenere a mente in questi giorni:

  1. Ai bambini fa piacere stare in famiglia, ma il loro obiettivo non è di stare a tavola per rimpinzarsi come dei tacchini (quello capita a noi) ma di godere dello spirito delle vacanze, di essere al centro dell’attenzione e di giocare.
  2. I pranzi in famiglia sono spesso l’occasione per alcuni bambini di dare il “meglio di sé” mangiando di meno o facendo un po’ di capricci. Il rischio è di incomprensioni o liti tra parenti. Pertanto, se il bambino mangia normalmente poco è probabile che, in queste occasioni, mangerà ancora di meno. Parlatene con il pediatra per stabilire la strategia migliore (potrebbe essere di dare da mangiare prima ad esempio).
  3. Date porzioni ridotte (se vuole altro cibo lo prenderà da solo).
  4. Non forzate a mangiare alimenti che normalmente non mangia: non è l’occasione nè la sede.
  5. Se invece il bambino è “una buona forchetta” (e magari un po’ cicciotto) ricordate che un bel piatto di verdura cruda costituisce il miglior antipasto. Grazie al contenuto di fibra, le verdure producono un rapido effetto saziante e smorzano gli stimoli della fame.

 

Per approfondimenti sull’alimentazione dei bambini si consiglia la lettura di:

 

 Come nutrire mio figlio

16.90 € 14.36 €Sconto del 15%

Scopri su Amazon

Articolo scritto da: Dott. Alberto Ferrando

MOSTRA COMMENTI

COMMENTA