Non perdere le ultime novità di Donnaclick! Iscriviti alla newsletter

Misandria, perché ci sono donne che odiano gli uomini?

Amore e Sesso - 21 marzo 2017 Vedi anche: La Vita di Coppia

Misandria, perché ci sono donne che odiano gli uomini? Le motivazioni possono essere più o meno serie, ma in ogni caso si tratta di un problema che dovrebbe essere affrontato.

Abbiamo sempre sentito parlare di misoginia, di uomini che preferiscono tenersi alla larga dal gentil sesso. Eppure, anche se meno diffuso, esiste anche il meccanismo opposto, ovvero ci sono donne che odiano gli uomini. Per spiegare meglio di cosa si tratta è bene partire dal presupposto che la misandria non è una patologia come qualcuno vuol farci credere, ma un concetto sociale che ha senza dubbio le stesse radici del femminismo, anche se in questo caso le ragioni che ci portano ad odiare gli uomini sono diverse. Per esempio, vi siete mai chieste perché ci sono donne che odiano gli uomini?

Che cos’è la misandria

Il termine “misandria” deriva dal greco “misèō”, odiare, e “anḕr”, uomo. Esattamente indica un sentimento di avversione e ostilità nei confronti del genere maschile, da cui deriva una serie di atteggiamenti e di modi di interagire con l’altro sesso.

L’origine della misandria va ricercata nelle storie si stress post-traumatico dovuto di solito ad abusi sessuali o atti di violenza sulle donne da parte di uomini, episodi che di solito risalgono all’infanzia, le cui vittime nella maggior parte dei casi rimangono in silenzio fino a quando non raggiungono l’età adulta, ma in generale bisogna aspettare il giusto grado di maturità che consenta a queste piccole donne di affrontare questo trauma e di avere il coraggio di parlarne con qualcuno. Sono storie tristi e traumatiche, che spesso appunto sfociano nella misandria, un tipo di atteggiamento che spinge queste donne ad odiare incondizionatamente il sesso opposto, anche se non è detto che si trasformi in un vero e proprio rifiuto; però non c’è dubbio che queste persone tendano ad instaurare con l’altro sesso un rapporto quasi sempre precario e poco equilibrato.

In realtà dietro la misandria potrebbero esserci anche episodi più banali che riguardano le disuguaglianze sociali tra i due sessi. Per esempio è quello che spesso accade sul lavoro: in alcuni contesti gli uomini hanno maggiori possibilità di carriera rispetto ad una donna che lavora altrettanto e che meriterebbe la stessa gratificazione. Anche questo può portare ad atteggiamenti ostili nei confronti dell’altro sesso.

Non pensiate però che questo tipo di repulsione riguardi soltanto l’aspetto privato o romantico: a volte questo meccanismo che scatta di fronte ad un uomo tende a compromettere anche potenziali rapporti di lavoro con l’altro sesso. Non è un ostacolo che si supera con semplicità: di solito c’è bisogno di un esperto, di uno psicologo che possa aiutarci a combattere quello che semplicemente percepiamo come un aspetto del nostro carattere. La cosa più difficile in questi casi, infatti, è prendere coscienza del problema cercando di comprendere quanto la misandria sia un aspetto problematico della nostra vita.

Come si comporta la donna misandrica

Partiamo da una considerazione che spesso crea confusione. Una donna misandrica non odia gli uomini perché preferisce le donne dal punto di vista sessuale; insomma, non è detto che abbia una relazione con una donna. Il sesso in questo caso non ha nulla a che fare con il tipo di problema di cui stiamo parlando. La donna misandrica è una donna che nella sfera pubblica e privata preferisce avere a che fare con donne perché ha poca stima degli uomini, anche se a casa la sera ad aspettarla ha un marito. In genere, però, anche i rapporti “romantici” con l’altro sesso tendono ad essere poco equilibrati perché la donna misandrica tende a maltrattare gli uomini, a fargli subire quello che lei ha subito in passato, comportandosi come l’uomo sbagliato che ha avuto la sfortuna di incontrare. Dal punto di vista caratteriale, inoltre, tende ad essere mascolina: il suo identikit è spesso quello di una donna indipendente, molto sicura di sé che non sente assolutamente il bisogno di avere un uomo accanto, anche se molto spesso ce l’ha.

È un problema la misandria? Indubbiamente lo è, così come lo è il caso opposto, quello di uomini che odiano le donne.

LEGGI ANCHE:

I 7 tipi di uomini da tenere alla larga, i consigli per non sbagliare

MOSTRA COMMENTI

COMMENTA